Fango

Un’impronta nel fango è solo un’impronta nel fango. Certe volte non è necessario trovare significati nascosti, analizzare, scomporre, esaminare… è necessario osservare le cose per ciò che sono, senza doppi sensi. È importante saper accettare le cose per ciò che sono, perché non è nella complessità, spesso, che risiede la vita ma nella semplicità, mai banale.
Un’impronta nel fango, nella sua meravigliosa immanenza, mi ricorda di ciò che è importante per me: l’odore della pioggia, il suono del vento, la sensazione di libertà quando i piedi sprofondano in una pozza, un cane pienamente immerso nella sua esperienza, in un flusso continuo con il fango, la pioggia, il vento, gli odori.
E le separazioni non esistono più; diventiamo fango, pioggia, vento, odori, suono, energia. E non c’è più necessità di comprendere nulla perché tutto quello che importa lo siamo già.
Ecco, per me i cani sono questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *