Urban jungle

Per anni ho svolto questa amata professione principalmente in contesti di campagna. Oggi mi ritrovo quasi sempre in città. Lavorare in città è completamente diverso, ma non per questo è necessariamente più difficile o più facile. Il mio lavoro consiste nell’adattare il contesto al cane, non il cane al contesto. Pertanto, posso inventarmi tutti gli scenari possibili per ideare spazi di dialogo e apprendimento adeguati ai cani. Anche oggi posso lasciarmi aiutare da luoghi naturali, che di parchi Roma ne è piena, ma più di tutto mi aiuta il non etichettare. Per me uno “spazio sociale” non è necessariamente un luogo. È un’attesa, è un momento per respirare, è un angoletto tranquillo, è una pausa per riflettere, è la possibilità di osservare, è la libertà di esplorare, è ascoltare e ascoltarsi, è dialogo, è autonomia, è fiducia, è aspettare. È un modo di stare insieme che permette di restare sé stessi.
In molti casi, ciò che importa e che fa la differenza, è lo spazio generato dalle nostre consapevolezze, dal nostro modo di stare con l’altro e dal nostro modo di stare con noi stessi.

Nella foto Pino passeggia in città libero da qualsiasi tipo di guinzaglio, anche dai guinzagli mentali.

(Foto di Mauro Moretti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *